NYC-SITE.COM | Il più consultato forum di discussione su New York
21 Agosto 2019, 22:36:13 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie: Scopri tutte le sezioni del forum per trovare le informazioni che ti occorrono
 
   Home   Guida Ricerca Gallery Accedi Registrati Chat  

Pagine: 1 [2] 3 4 ... 24   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: The Fourth Coming - Going Up The Country  (Letto 65617 volte)
0 utenti e 2 Utenti non registrati stanno visualizzando questa discussione.
78Luca
Supreme Member
**

Popolarità: 3
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 2.973


W questo FORUM!!!


« Risposta #15 inserito:: 18 Agosto 2009, 10:23:53 »


Non so davvero come ringraziarvi per la solita calorosa accoglienza con la quale mi salutate sempre al ritorno del viaggio! Grazie a tutti!

Fetentella e Spino non sapete il rischio che correte scrivendomi di non sintetizzare!!  Grin

Potus avrei davvero voluto cercarti in aeroporto, ma come leggerai più avanti ho avuto una piccola disavventura alla partenza che mi ha tenuto col fiato sospeso fino alla fine! Spero (anzi sono sicuro!) che anche il tuo viaggio sia stato altrettanto fantastico come il mio!

Ancora un po' di pazienza e presto inizierò il racconto vero e proprio!
Registrato

<a href="http://www.cazzetti.it" target="_blank">[/url]
Fetentella
Supreme Member
**

Popolarità: 13
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 4.565


I Love Big Apple


WWW
« Risposta #16 inserito:: 18 Agosto 2009, 11:16:56 »


Citazione
Fetentella e Spino non sapete il rischio che correte scrivendomi di non sintetizzare!!  Grin

Dai retta a chi è più anziano di te!!!  Wink Grin
Registrato

Claudia 65
ettore82
Supreme Member
**

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.412

I Love NYC-Site.com Forum!

ettoredrockstar
WWW E-mail
« Risposta #17 inserito:: 18 Agosto 2009, 12:04:10 »


luca non ti permettere di sintetizzare neanche una virgola...questo è uno dei miei appuntamenti preferiti!!!
Registrato
78Luca
Supreme Member
**

Popolarità: 3
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 2.973


W questo FORUM!!!


« Risposta #18 inserito:: 18 Agosto 2009, 14:59:55 »


Ok, allora mi piegherò volentieri al vostro volere!  Grin
Registrato

<a href="http://www.cazzetti.it" target="_blank">[/url]
potus878
Junior Member
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 139


I Love NYC-Site.com Forum!


« Risposta #19 inserito:: 18 Agosto 2009, 20:39:42 »


ciao Luca, il mio viaggio è stato superlativo, ovviamente c'era solo da aspettarselo visto l'ambiente e le persone fantastiche incontrate nel mio camminno. Appena riesco, lavoro permettendo posto il racconto del viaggio, sopratutto delle hawaii se qualcuno è interessato
Registrato
Spino
Moderatore
Supreme Member
*****

Popolarità: 74
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7.152


I love the Big Apple


WWW E-mail
« Risposta #20 inserito:: 18 Agosto 2009, 22:26:50 »


Citazione
ciao Luca, il mio viaggio è stato superlativo, ovviamente c'era solo da aspettarselo visto l'ambiente e le persone fantastiche incontrate nel mio camminno. Appena riesco, lavoro permettendo posto il racconto del viaggio, sopratutto delle hawaii se qualcuno è interessato

Penso che siamo tutti interessati.  Smiley
Registrato

framant
Supreme Member
**

Popolarità: 15
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 2.151


In God we trust


« Risposta #21 inserito:: 19 Agosto 2009, 00:11:48 »


Citazione
ciao Luca, il mio viaggio è stato superlativo, ovviamente c'era solo da aspettarselo visto l'ambiente e le persone fantastiche incontrate nel mio camminno. Appena riesco, lavoro permettendo posto il racconto del viaggio, sopratutto delle hawaii se qualcuno è interessato


...... e ce lo domandi pure!!!!!! Grin Grin
Registrato
Fetentella
Supreme Member
**

Popolarità: 13
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 4.565


I Love Big Apple


WWW
« Risposta #22 inserito:: 19 Agosto 2009, 01:40:07 »


Citazione
ciao Luca, il mio viaggio è stato superlativo, ovviamente c'era solo da aspettarselo visto l'ambiente e le persone fantastiche incontrate nel mio camminno. Appena riesco, lavoro permettendo posto il racconto del viaggio, sopratutto delle hawaii se qualcuno è interessato

Quoto Spino e framant  Wink
Registrato

Claudia 65
78Luca
Supreme Member
**

Popolarità: 3
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 2.973


W questo FORUM!!!


« Risposta #23 inserito:: 19 Agosto 2009, 11:50:23 »


Vai Potus! Certo che interessa!
Registrato

<a href="http://www.cazzetti.it" target="_blank">[/url]
caipiroska
Silver Member
**

Popolarità: 1
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 265



« Risposta #24 inserito:: 20 Agosto 2009, 01:14:25 »


che bellooooo!!!! non vedo l'ora di leggerti!!!!

p.s. comunque siete due grandi!!

un bacione!!!!
Registrato

"...New York era la sua città...e lo sarebbe sempre stata..."
78Luca
Supreme Member
**

Popolarità: 3
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 2.973


W questo FORUM!!!


« Risposta #25 inserito:: 20 Agosto 2009, 08:22:44 »


Citazione
p.s. comunque siete due grandi!!
Addirittura?  Grin
Thanks!  Cheesy

Adesso però cominciamo con il racconto...
Registrato

<a href="http://www.cazzetti.it" target="_blank">[/url]
78Luca
Supreme Member
**

Popolarità: 3
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 2.973


W questo FORUM!!!


« Risposta #26 inserito:: 20 Agosto 2009, 08:25:26 »


11/07/2009 Sabato
La vera notizia è che una volta non dobbiamo dormire in aeroporto. Quest’anno volo diretto Delta Milano Malpensa – JFK con partenza alle 12 in punto. Tuttavia questo ne comporta che la sveglia suona alle 3.30 di mattina per prendere il treno per Milano Centrale e da qua il bus navetta per Malpensa. Arriviamo al check in con più di tre ore di anticipo sull’orario di partenza del volo, ma qua abbiamo subito una terribile sorpresa… ovvero overbooking!
Che cosa, che cosa?!?!?
La compagnia ha venduto più biglietti di quelli che sono effettivamente a disposizione e siccome noi non abbiamo ancora il posto assegnato (d’ora in poi sempre check in online anche se è una gran rottura!!) dobbiamo rimanere in attesa e sperare che si liberi qualche posto (o perché qualcuno rinuncia o perché qualcuno non si presenta, etc.)
Ci danno una carta d’imbarco provvisoria senza l’indicazione del posto a sedere; praticamente non conta nulla. Questa cosa mi fa davvero riflettere su quanto c’era andata bene lo scorso anno quando all’arrivo al JFK avevamo preso poche ore dopo il volo per San Francisco. Se non fossimo riusciti a salire sul volo per NY tutti i nostri programmi sarebbero saltati fin dalla partenza. Anche adesso però qualche rischio lo abbiamo comunque visto che abbiamo il volo per Vancouver domani alle 7 am da Newark. L’agitazione si mischia alla rabbia quando vedo che il volo Delta è in code share con Alitalia anche se quando l’ho acquistato non c’era scritto. L’avessi saputo avrei preferito anche pagare di più ma di certo non lo avrei preso. A questo punto credo che tutti i voli Delta per gli USA sono in cooperazione con Alitalia anche se non specificato.
Come se non bastasse, siccome non abbiamo una carta d’imbarco valida, nei negozi in aeroporto non ci possono nemmeno vendere il Toblerone, acquisto fisso prima di ogni partenza.
Neanche il Toblerone!!
Ci piazziamo a sedere davanti al gate in modo da essere i primi a chiedere quando arriveranno le hostess (c’è già da computer una certa priorità comunque). Scopriamo che non siamo gli unici ad essere in overbooking, anzi siamo almeno una decina; andiamo bene…
Tra rabbia ed agitazione per il rischio sia di perderci una giornata a New York che veder messi a rischio i nostri piani, l’unica cosa che almeno ci fa un po’ sorridere sono i quiz che due sorelline stanno facendo presi da una rivista scema tipo “Cioè” (non so se esista ancora, ma tutte le mie compagne di classe delle medie lo compravano!). La sorella maggiore legge le domande alla più piccola facendoci morire dal ridere (di nascosto ovviamente) per quanto queste siano ridicole…
Per risolvere il problema dell’overbooking la compagnia fa un’offerta a chi rinuncia a salire su questo aereo di non so quante miglia di volo gratuite. Per fortuna qualcuno accetta (il volo successivo c’è 5 ore dopo) e così riusciamo tutti ad imbarcarci.
Sospiro di sollievo.
L’aereo non ha gli schermi su ogni sedile ma a me a dir la verità non frega niente, tanto io per la maggior parte del tempo dormo o almeno cerco di riposarmi per evitare il jet leg (che non ho mai avvertito). Chiacchiero anche un po’ con la ragazza a fianco a me che dice di essere ingegnere ambientale e di abitare ad Albany. Mi racconta un sacco di cose interessanti e dice anche che sono il primo italiano che conosce che sa che Albany è la Capitale dello Stato di New York. Bah…
Proiettano anche un bel film, He's Just Not That Into You (La verità è che non gli piaci abbastanza) dove ci sono un sacco di attori che mi piacciono. Guardo comunque solo qualche spezzone e me lo segno da vedere per quando tornerò.
Nonostante siamo partiti in ritardo arriviamo a NY un po’ in anticipo verso le 3 pm. Sbrighiamo velocissimamente le formalità alla dogana e prendiamo l’air train.
Siccome dalla Jamaica Station c’è la linea blu E diretta per arrivare all’ostello (Vanderbilt YMCA, 224 East 47th St.) andiamo per la prima volta a prendere la metro da lì anzichè come di solito da Howard Beach. La metro qua viaggia in superficie dandoci la possibilità di guardare fuori. Con mia grande sorpresa scopro che questa zona è davvero carina! Di solito i nomi ai quartieri non vengono mia dati a caso per cui credevo di trovare una zona in stile Jamaicano (anche se non saprei bene cosa aspettarmi…), invece tutte le case sono precise ed ordinate in perfetto stile nordico! Altro che Jamaica, qua sembra di essere in Danimarca! Davvero carina come zona.
Anche la zona in cui si trova il nostro ostello, ospitato in un bel palazzone (Foto N°1 Link http://www.flickr.com/photos/41607555@N04/), è molto carina, praticamente a due passi dal Rockefeller Center, dalla Grand Central Station, dal Chrysler Building e da tanti altri bei palazzi. Per la notte invece è un po’ isolato, ma siamo sulla linea verde diretta per il LES (Lower East Side) dove avevamo intenzione di trascorrere la serata.
Il bello dei YMCA è che hanno piscina e palestra, davvero enorme e giusto all’ingresso (foto N°2). Check in e saliamo in camera giusto per posare le valige. La stanza è davvero piccolina, ci stanno giusto i nostri due bagagli a testa + Enea, nient’altro (foto N°3). Naturalmente però non è che mi interessi molto. Bella anche la vista sul niente dalla finestra…
Andiamo solo un attimo in bagno (dove troviamo un incredibile cartello di istruzioni su come lavarsi le mani!!! Foto N° 4) quindi scendiamo.
Purtroppo però non avverto più quel meraviglioso senso di entusiasmo per essere arrivato finalmente a NY che sentivo nei primi viaggi. Che ormai ci sia abituato??
Spero proprio di no, era davvero emozionante rimanere ogni volta piacevolmente stupiti per tutto quello che si vedeva o si incontrava.
Mi basta però solamente uscire dall’ostello senza più la scocciatura delle valige da trasportare, ed essendo completamente libero quindi, per riassaporare quella magnifica sensazione di euforia incontrollabile. Mi basta passeggiare per andare a prendere la metro alla Grand Central ammirando gli imponenti e particolari palazzi della zona, compreso Cipriani, per rivivere tutte le emozioni già vissute ma che ogni volta sono sempre diverse ed intense. La verità è che di New York non ci si abitua e non ci si stanca mai. Ci possiamo venire tutte le volte che vogliamo ma ogni volta rimarremo sempre stupiti per ciò che incontriamo e secondo me è proprio questo l’aspetto migliore di questa città. Non è un qualcosa di tangibile o di materiale, sono proprio le sensazioni che questa città sa regalarti il suo punto di forza, come nessun altro posto al mondo sa fare.  
Scendiamo fino all’East Village ad Astor Place (foto N°5). Questa zona mi è sempre piaciuta molto, è sempre piena di vita, forse anche perché si trova a due passi dalla NYU.
Arrivando sotto il cubo nero al centro della piazza vedo che ci sono 3-4 ragazze con il cartello “Free Hugs”; evvai!!!
Registrato

<a href="http://www.cazzetti.it" target="_blank">[/url]
78Luca
Supreme Member
**

Popolarità: 3
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 2.973


W questo FORUM!!!


« Risposta #27 inserito:: 20 Agosto 2009, 08:28:54 »


Sono a NY da neanche un’ora è già mi becco un abbraccio gratis (mentre Enea mi scatta pure una foto!) da una biondina con i pantaloni spettacolo! Adoro questa città!!
Scherzi a parte i free hugs sono davvero una cosa entusiasmante.
Il mio obiettivo di giornata è prendermi una maglietta degli Strokes, così andiamo subito su St. Marks Place dove Pippo e Fla mi avevano consigliato alcuni negozietti. Era dal mio primo viaggio a NY che non venivo su questa via, che è davvero fantastica!!!!!!!! È un bel viale alberato con un sacco di negozi divertenti e con gente strana in giro (foto N° 6). Per prima cosa andiamo subito allo
Store del CBGB (19 - 23 St. Marks Place btw 2nd e 3rd Aves), che però purtroppo ora non esiste più. Al suo posto adesso c’è una gelateria o qualcosa di simile, peccato. Entriamo quindi al Trash and  Vaudeville (4 St Marks Place) che già dal di fuori sembra il più bizzarro tra tutti i negozi (foto N°7). In effetti dentro troviamo capi d’abbigliamento davvero eccentrici, molto divertenti, prevalentemente roba gotica in nero con teschi stampati da tutte le parti. Anche i commessi naturalmente sono in tema col negozio che è davvero spettacolare, fantastico! Le migliori cose in assoluto sono la giacca e la camicia di Napoleone e la carta igienica con i teschi (foto N° Cool, fantastiche!! Ci sono anche tantissime magliette di band storiche ma io adesso sono concentrato sugli Strokes, che però non trovo.
Dopo esserci divertiti abbastanza torniamo sulla via, che percorriamo fino in fondo. Troviamo un sacco di negozietti e bancarelle con abbigliamento musicale, nessuna traccia degli Strokes però. Certo potrei più comodamente prenderla in internet, ma volete mettere la goduria di comprarla a New York!!?! Quasi una cosa da feticisti.
Davvero bello comunque questo viale visto dalla sua estremità est in Tompkins Square Park (foto N°9). Entriamo nel bel parco verde (foto N°10) trovando chi dipinge su tela, chi va in skate, chi si rilassa seduto su una panchina, qualche spacciatore ed anche una jazz band. Bellissimo.
È arrivato adesso il momento di andare al Bar Niagara (112 Ave A btw St Marks Place e 7th Street), dove erano tre anni che volevo andare senza mai trovare il momento giusto. Qua infatti si trova il murales dedicato a Joe Strummer che si vede nel video della sua magnifica interpretazione di Redemption Song. http://www.youtube.com/watch?v=F10tP5HIpaA La canzone è strepitosa ed il video è da brividi. Oltre all’eccitazione provocata dal murales noi siamo talmente fortunati da vedere una giovane band esibirsi proprio davanti a quel muro… sono due ragazzini che raggiungeranno i 10 anni a malapena!! (foto N° 11). Uno alle percussioni, l’altro alla chitarra elettrica. Nonostante la giovanissima età prendono le cose tremendamente sul serio, del resto sembrano proprio già avere il carisma, lo stile, la personalità, la faccia e le movenze di una grande rock band! La gente sorride divertita ma, nonostante la scritta che campeggia sopra di loro, per loro il futuro sembra davvero essere già scritto, da grandi entreranno sicuramente a far parte di una grande band!! O almeno io glielo auguro davvero!
Del resto crescendo in questa zona, con le sue influenze musicali ed avendo già ora tutta quella serie di ottime caratteristiche, non possono davvero non diventare una grande band un giorno!
Rimarrei volentieri ad ascoltare tutta la loro esibizione, ma quello che mi frega a me è sempre il tempo. Maledetto!
Ci dirigiamo verso la McSorley's Old Ale House (15 E 7th St between Second and Third Aves, foto N°12). Avevo letto che questo era un bar antico, tipo saloon, ma come entriamo troviamo praticamente un classico pub antico come quelli che si possono trovare in Inghilterra, con anche tutti gli odori ed i sapori caratteristici. Davvero bello. Durante il tragitto per venire qui incontriamo anche diversi altri bar molto carini, tipo Pylos (128 E. 7th St, foto N°13) con il suo soffitto pieno di anfore sospese. L’East Village è fantastico, si avverte davvero qualcosa nell’aria, una enorme creatività che fa si che questo quartiere cambi e si rinnovi continuamente senza però mai perdere la sua personalità e la sua identità.
Visto che ormai siamo vicinissimi decidiamo di andare a dare un’occhiata al nostro vecchio Bowery’s White House (340 Bowery), quel lurido ostello nel quale abbiamo avuto il piacere di soggiornare nel nostro primo viaggio… Se nel 2006 questa mi sembrava la zona più sudicia di tutta Manhattan, nel 2007 avevamo già visto che il quartiere si era dato una bella ripulita (chiudendo anche il CBGB purtroppo). Lo scorso anno non ero riuscito a venire, ma ero sicuro che questa zona avesse delle grosse potenzialità. Durante il tragitto troviamo infatti molti palazzi nuovi dal design davvero originale, nonché qualche genialata come questo quadro dipinto su una parete (foto N°14). Poco prima di arrivare all’ostello impattiamo anche nella bellissima sede del Village Voice (36 Cooper Sq. foto N°15). Sempre su Cooper Sq andando verso Bowery, incontriamo un nuovissimo albergo con zona lounge all’aperto con divani dai cuscini bianchi ed atmosfera meravigliosa, straordinario! Purtroppo scatto solo delle foto che non vale nemmeno la pena di mettere. Arriviamo davanti al nostro vecchio e squallido ostello ma rimango davvero senza parole, si è dato davvero dato una ripulita incredibile!! La zona della reception appare ora luminosa e persino pulita. Non ci sono più nemmeno i gatti! (Fla non c’era nemmeno il tipo che aveva sempre il berretto dei Mets in testa!!). Devo assolutamente scattargli una foto, così vi piazzo Enea davanti per fare almeno un po’ il fintone… (foto N° 16). Tanto lo so però che le stanze sono sempre da suicidio, non si riesce a trasformare un letamaio in una reggia…
Dove si trovava il CBGB (315 Bowery between 1st and 2nd Street) hanno aperto ora un negozio di abbigliamento. Per fortuna però hanno avuto l’accortezza di lasciare il locale quasi così com’era ed il risultato è strepitoso!! Dentro infatti si trova ancora la bacheca con tutti i flyer originali, un sacco di poster tipo dei Ramones e dei the Who, un pianoforte, una batteria, delle chitarre, etc. il tutto con la giusta illuminazione ed un’atmosfera incredibile, davvero strepitoso! (foto N° 17 e 18).
Giusto a fianco hanno aperto una splendida galleria dove attualmente c’è una mostra fotografica (foto N° 19), mentre al 235 Bowery si trova ora il New Museum http://www.newmuseum.org/
Registrato

<a href="http://www.cazzetti.it" target="_blank">[/url]
78Luca
Supreme Member
**

Popolarità: 3
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 2.973


W questo FORUM!!!


« Risposta #28 inserito:: 20 Agosto 2009, 08:29:55 »


Dove la trovate un’altra città nella quale potete anche andarci tutti gli anni trovandola però sempre diversa al punto che ogni volta bisogna ricominciare il giro da capo perché nel frattempo tutto è cambiato? La risposta è da nessun altra parte al mondo, solo a New York!!
È straordinario, già mi pento del fatto che domattina ce ne andremo, vorrei trascorrere molto più tempo qui anche se però mi rendo conto che è giusto vedere anche altri posti.
Il giro della zona comunque non è ancora terminato, passiamo ora al Think Coffe (1 Bleecker St., Northwest corner of Bowery and Bleecker). Quest’anno ho scoperto un sito fantastico dove la gente segna praticamente in tempo reale gli avvistamenti dei personaggi famosi in città http://www.omgicu.com/sightings/recent Insomma non che io voglia andare a caccia di VIP (anche perché non è che mi interessi più di tanto, ma logicamente dipende da chi si incontra), ma è utilissimo perché si impara a conoscere un sacco di posti fantastici! Al Think Coffe, bar davvero molto carino (foto N° 20) dove oltretutto quando entro sento una canzone dei Bealtes (While my guitar gently weeps se ben ricordo), vi avevano avvistato mentre facevano colazione la bellissima Kate Hudson e la meravigliosa Anne Hathaway! Noi non siamo così fortunati da incontrare loro o qualcun altro, però almeno abbiamo visto un locale molto carino.
Vedi, lo sapevo, dovevamo venire per colazione…
Nella zona incontriamo tanti altri palazzi fantastici ed innovativi tipo quello della foto N°21, od un sacco di negozi di arredamento davvero bellissimi. Rimango a bocca aperta, nel giro di tre anni questa zona è passata da essere la peggiore ad una delle più belle di Manhattan! E chissà come diventerà in un paio di anni! Arriviamo su Lafayette St per andare a riprendere la metro in Astor Place (dove però troveremo la stazione chiusa e quindi dovremo andare fino a Union Square), passando davanti al Butter, fantastico ristorante – lounge dove eravamo stati una sera di ormai due anni fa, ed al Joe’s Pub, famoso locale per musica live dove in questi giorni anche Jovanotti vi sta tenendo delle date. In Union Square troviamo il negozio della Virgin che sembra ormai chiuso da un po’ di tempo; chissà cosa ci verrà al suo posto. Inizia a farsi tardi ma prima di tornare in ostello ci fermiamo un attimo all’Hyatt hotel (42nd St tra Lexington e Park Ave) visto che anche qua erano diversi anni che volevo andarci. La sua hall infatti è straordinaria, enorme e con lastricati in marmo, con anche una piccola cascatella. Questi alberghi, così come gli altri delle più rinomate catene, meritano sempre una visita.
Ci fermiamo giusto un attimo da 7 Eleven per prendere un panino poi rientriamo in ostello per prepararci per la serata.
Sono di nuovo a New York City.
Registrato

<a href="http://www.cazzetti.it" target="_blank">[/url]
AndreaC-84
Gold Member
***

Popolarità: 1
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 499


I Love NYC-Site.com Forum!


WWW
« Risposta #29 inserito:: 20 Agosto 2009, 09:13:20 »


Complimenti per il bell'inizio Luca... tra l'altro hai fatto un giro in posti che adoro in maniera smisurata  (anche senza averli visti, per ora!!! Grin) e ne ho appuntati di nuovi!

Per ora mi hanno colpito due cose, innanzitutto la White House. Sono sempre più lontani i tempi in cui NY era piena di flophouse, "hotel" a basso costo per lunghe permanenze e notti selvagge frequentate da squattrinati, senzatetto, tossici. Da un certo punto di vista è un bene ma,tralasciando le implicazioni sociali, questi posti sono parte dell'immagine che mi sono costruito di NY. Beato te che ci sei riuscito ad andare, io ho qualche progetto in mente ma non vi anticipo niente per ora.. ci si vede a ottobre. Wink

Infine il CBGB, in quelle condizioni non ha fatto una bella impressione, avranno avuto l'accortezza di lasciare intatto gran parte dell' ambiente ma si è persa la genuinità di una pietra miliare del rock e la cosa mi mette tanta tristezza.

ps. E' infelice notare come Alitalia sia sinonimo di disagi.. non c'è uno che ci si trova bene, qualsiasi cosa toccano diventa...
Registrato

Pagine: 1 [2] 3 4 ... 24   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

 

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.11 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC | Sitemap XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Copyright 1998- © HNS srl - Partita IVA 07431360010
Pagina creata in 0.177 secondi con 23 query. (Pretty URLs adds 0.067s, 2q)