NYC-SITE.COM | Il più consultato forum di discussione su New York
07 Dicembre 2019, 15:39:55 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie: Cerchi un hotel a New York? Clicca qui!
 
   Home   Guida Ricerca Gallery Accedi Registrati Chat  

Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: Pensando alla Boston Marathon  (Letto 3910 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Redazione
Amministratore
Supreme Member
*****

Popolarità: 10001
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 1.749



WWW E-mail
« inserito:: 17 Aprile 2013, 11:01:46 »


Dal 2006 ad oggi ho corso quindici maratone. Un anno sono arrivato a correrne quattro. E quattro sono tante. Di queste quindici, tre le ho concluse a New York, ma il mio sogno è sempre stato quello di gareggiare una Boston Marathon.

Perché un sogno?

Perché in quasi tutte le altre maratone ti iscrivi, paghi e vai a correre, mentre a Boston non è così semplice. Per correre la maratona di Boston bisogna avere il tempo di qualifica, ovvero ti puoi iscrivere solo se sei riuscito a terminare una 42 chilometri entro un tempo determinato. Nel mio caso di quasi cinquantenne il tempo di qualifica è sotto le tre ore e trenta. Oggi decisamente un tempo fuori dalla mia portata. Il mio miglior tempo è di tre ore e cinquantotto minuti.

Per correre la maratona per le strade di Boston bisogna meritarselo. D'altronde nella sua categoria è la più vecchia al mondo.

Il giorno della maratona è un giorno di festa. E' il giorno in cui si scende per strada a fare il tifo, per incitare tutti insieme gli atleti che corrono. Chi indossa i calzoncini e le scarpette si appunta un numero sul petto, quel giorno è considerato un eroe. Vi assicuro, lo dico ai tanti che non l'hanno mai fatto, correre per 26.2 miglia, ovvero 42,195 chilometri, ogni volta è un'impresa.

Per chi è un minimo informato in materia sa che la Boston Marathon è famosa, tra le altre cose, per la Heartbreak Hill, la collina spaccacuore, impegnativa salita di circa seicento metri posta dopo il trentaduesimo chilometro; quasi una carognata.

Ma ancora di più è famosa per il passaggio nei pressi del Wellesley College, dove le studentesse cercano di irretire e distrarre i podisti offrendo loro un bacio a chi si ferma.

Ecco, io voglio che rimanga questo nella mia memoria: la gara e il sano agonismo di una impegnativa competizione, la gente che incita felice e fa festa per le strade, le studentesse che fanno a gara nel bloccare gli atleti. Questo è non altro dovrà essere sempre la Boston Marathon.

Visita --> www.nyc-site.com/newyork/nymag-sport/3430-pensando-alla-boston-marathon.html
Registrato

La redazione - redazione@nyc-site.com
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

 

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.11 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC | Sitemap XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Copyright 1998- © HNS srl - Partita IVA 07431360010
Pagina creata in 0.061 secondi con 23 query. (Pretty URLs adds 0.016s, 2q)