NYC-SITE.COM | Il più consultato forum di discussione su New York
28 Ottobre 2020, 10:11:59 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie: Benvenuto sul NYC-Site.com Forum, dove la tua passione incontra New York!
 
   Home   Guida Ricerca Gallery Accedi Registrati Chat  

Pagine: [1] 2   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: come avere un cellulare usa  (Letto 3003 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
zorrojo
Newbie
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


W questo FORUM!!!


E-mail
« inserito:: 10 Febbraio 2005, 04:14:42 »


ciao a tutti, dovendo stare un mese a ny vorrei sapere se è possibile acquistare tessere sim da inserire nel cellulare per avere un numero americano con cui chiamare su new york senza spendere una cifra (il mio gestore è italiano). non so se esistono tessere tipo usa e getta... spero di essere stato chiaro
Registrato
Roberta81
Newbie
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2


W questo FORUM!!!


E-mail
« Risposta #1 inserito:: 25 Aprile 2005, 23:15:56 »


Ho lo stesso tuo problema se trovi la soluzione pefavore fammi sapere...anche se io credo che alla fin fine sarebbe piu comodo comprare un nuovo cellulare li...i prezzi sono bassissimi... ROby
Registrato
Spino
Moderatore
Supreme Member
*****

Popolarità: 74
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7.152


I love the Big Apple


WWW E-mail
« Risposta #2 inserito:: 25 Aprile 2005, 23:24:32 »


Allora, io ho lo stesso problema vostro e se guardate nel forum "consigli prima di partire" avevo iniziato un thread su questo argomento.
Dopo qualche ricerca ho scoperto che esistono delle sim prepagate cingular (http://www.cingular.com/gophone) che si chiamano "pay as you go" e che consentono di chiamare negli Usa a prezzi accessibili.
Ma la cosa veramente interessante è un'altra. Esiste un programma per PC che si chiama skype (www.skype.com) che consente di chiamare ovunque come se fosse un telefono. Sapete cosa costa chiamare un cellulare americano? (sarebbe il nostro caso) udite udite 2 CENTESIMI DI EURO al minuto.
Spero di essere stato utile e se trovate ulteriori notizie al riguardo fatemelo sapere perchè interessa anche me.
Registrato

Spino
Moderatore
Supreme Member
*****

Popolarità: 74
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7.152


I love the Big Apple


WWW E-mail
« Risposta #3 inserito:: 26 Aprile 2005, 01:19:01 »


Trovato:

http://www.telestial.com/products/usa_lite_sim.htm
Registrato

taft
Newbie
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 21


W questo FORUM!!!


« Risposta #4 inserito:: 29 Aprile 2005, 23:16:36 »


scusatemi ho letto i vostri messaggi nel forum e mi è sorto un dubbio. tra pochi giorno parto per NYC avrò con me un cellulare con scheda tim per poter chiamare in caso di urgenza in italia, ma mi chiedo posso chiamare con la scheda tim anche  in america verso cellulari con scheda tim. grazie vi sarei vermante grata se  potrete rispondere alla mia domanda.
Registrato
Samu
Junior Member
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 108


THAT'S THE WAY I WANNA ROCK 'N ROLL


« Risposta #5 inserito:: 30 Aprile 2005, 00:00:46 »


ciao, ankio con la mia skeda tim riuscivo solo a mandare sms sia in italia sia ad altri cell italiani negli states, riuscivo volendo a ricevere kiamate dall' italia ma troppo caro nn conviene mentre x kiamare nn andava...e assikurati di avere un triband Wink...saluti
Registrato

NY Rock city
taft
Newbie
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 21


W questo FORUM!!!


« Risposta #6 inserito:: 01 Maggio 2005, 17:25:35 »


help help help
mi rivolgo a tutti  del forum. ho un cellulare triband con tessera tim posso chiamre negli USA verso cellulari triband con tessera tim. qualcuno sa se funziona e quanto spenderei Grazie
Registrato
Lion
Newbie
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 5


W questo FORUM!!!


E-mail
« Risposta #7 inserito:: 03 Maggio 2005, 08:33:21 »


Io sono andato 2 anni fa, con cellulare triband e scheda tim ho telefonato e ricevuto chiamate dall'Italia, quindi la scheda funziona. Secondo me se vuoi chiamare un n° Tim di una persona che è negli States è sufficente che tu faccia il prefisso internazionale come x telefonare in Italia seguito dal n° del cell.
Sui costi non ti so dire perchè non mi ricordo +.
Ciao Smiley
Registrato
alina
Junior Member
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 105


W questo FORUM!!!


« Risposta #8 inserito:: 13 Maggio 2005, 22:15:37 »


ciao a tutti, io mi sono informata alla tim e mi hanno assicurato che per ricevere e mandare sms e telefonate l'importante è avere il triband...una cosa però che mi preoccupa è la questione del caricabatteria: funzionerà normalmente o occorre un riduttore e/o trasformatore? e se sì, dove posso comprarlo...qui in Italia o conviene (anche economicamente parlando!) acquistarlo una volta arrivati? Grazie a chiunque risponda con qualsiasi informazione.  Smiley Grin Smiley Grin
Registrato
Spino
Moderatore
Supreme Member
*****

Popolarità: 74
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7.152


I love the Big Apple


WWW E-mail
« Risposta #9 inserito:: 14 Maggio 2005, 00:51:02 »


Premetto che sto preparando una guida sui cellulari in Usa e appena terminata (tempo libero permettendo) la postero'.
Per ricevere o inviare chiamate tramite cellulare con Sim Italiana, non ci sono problemi, si puo' fare a patto di possedere un cellulare triband: l'unico problema sono i costi (tariffa Tim per chiamare da Usa verso Italia: 2 euro al minuto, mentre per ricevere in Usa dall'Italia dipende dal contratto stipulato con Tim, ci aggiriamo comunque intorno a 0,5 euro per il ricevente, piu' il costo verso un cellulare a carico del chiamante). Molto piu' conveniente inviare o ricevere sms (0,49 Euro a messaggio).
Si puo' valutare se acquistare una Sim prepagata di una compagnia americana, ma qui si apre un mondo che spero di chiarire con l'annunciata guida.
Registrato

alina
Junior Member
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 105


W questo FORUM!!!


« Risposta #10 inserito:: 14 Maggio 2005, 03:33:20 »


...Spino sei proprio un'autorità in materia!!! bravo e grazie! ...in attesa dell'uscita della guida, mi diresti anche qualcosina sul carica batteria e il riduttore-trasformatore? ...credo che sia lo stesso anche per gli altri prodotti elettrici...sbaglio?
Registrato
Spino
Moderatore
Supreme Member
*****

Popolarità: 74
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7.152


I love the Big Apple


WWW E-mail
« Risposta #11 inserito:: 14 Maggio 2005, 04:26:11 »


Hey, guarda che poi mi monto la testa eheheheheh.
No, non sono un'autorità, ho solo fatto molte ricerche in Internet e ho contattato il servizio vendite della T-Mobile americana.
Per quanto riguarda il caricabatteria, vale lo stesso discorso che si fa per tutti gli altri apparecchi elettrici e cioè: In America la tensione è 110 Volts mentre da noi è, come noto, 220 Volts. Questo vuol dire che bisogna avere delle apparecchiature che siano in grado di lavorare a 110 Volts se vogliamo usarle anche in America. Molti alimentatori, inclusi quelli di molti cellulari (ma non tutti), fanno uno "switch" in automatico in modo assolutamente trasparente per l'utente; bisogna quindi solo accertarsi che le proprie apparecchiature siano in grado di lavorare con entrambe le tensioni (in genere questo è scritto sull'etichetta). Ti consiglio di non affrontare il discorso trasformatori perchè mentre è banale trasformare da 220V a 110V è relativamente più complicato fare l'inverso (nostro caso), piuttosto cerca degli alimentatori che lavorino già a 110 Volts come detto prima.
Discorso diverso riguarda le spine che in America sono di tipo "lamellare" mentre da noi ci sono le spine classiche che tutti conosciamo; bisogna quindi munirsi di un apposito adattatore che si trova facilmente presso i negozi di elettricità a pochi euro, che abbia la femmina capace di accogliere le nostre spine ed il maschio di tipo lamellare da inserire nelle prese americane (acquistalo in Italia perchè negli Usa è più difficile da trovare).
Spero di essere stato chiaro ma se hai ulteriori domande fai pure.
Ciao
Registrato

alina
Junior Member
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 105


W questo FORUM!!!


« Risposta #12 inserito:: 14 Maggio 2005, 21:09:47 »


...non ho parole!!! sei un mito! grazie milleeeeeee!!!!!!
Registrato
alina
Junior Member
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 105


W questo FORUM!!!


« Risposta #13 inserito:: 05 Maggio 2008, 19:29:36 »


Spino carissimo, help! ...non trovo più la tua preziosissima guida all'uso dei cellulari usa pubblicata qui sul forum...dove'è finita? ...già che ci sono voglio chiederti un consiglio...visto che (lo dico sottovoce!) direi che finalmente è giunta l'ora di ripartire, ho pensato: con il dollaro ai minimi storici e visto che (anche usando ovviamente le schede internazionali per le chiamate) tra sms, chiamate di emergenza etc si paga comunque un sacco con la propria scheda italiana...non conviene forse comprare un cellulare, modello "base-base" se ci si trattiene per qualche settimana...i prezzi non saranno come quelli nostri più o meno (anzi, meno, spero...)? poi a fine permanenza pazienza...sempre meglio che buttare via i soldi in sms a vantaggio di tim, omnitel...(chissà perché l'italia è l'unico paese in cui non vige l'equazione più gestori=più concorrenza=prezzi più bassi?Huh?!!!!!!)  ...credo che la tua guida rispondesse più che esaurientemente a questo quesito, ma visto che non la trovo più...
Registrato
Locomotiva
Gold Member
***

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 582


Star Wars Geek!


WWW
« Risposta #14 inserito:: 05 Maggio 2008, 23:05:32 »


Postilla per i caricabatteria: provato di persona.

con i caricabatteria per telefonini (e anche per le batterie della macchina fotografica) il problema di norma non esiste.

Cioè, i "carichini" sono niente altro che un trasformatore: se si applicano con la 220V escono 3.6V o quello che è, se collegati con l'adattatore a lamelle alla 110V emettono 1,7 v o giù di lì.
Basta leggere l'etichetta coi dati tecnici, di solito dice 100=230V.

La sola differenza è che, se con la 220V la batteria si ricarica in due ore, con la 110V ce ne mette magari tre o qualcosa meno del doppio del tempo normale. Ma quello che conta sono quanti ampère (in pratica: quanti elettroni) entrano nella batteria, non tanto i Volt con cui questi ampère sono spinti nella batteria.

NOTA: questo discorso vale solo per i caricabatteria.
Qualunque cosa che abbia un motore (rasoi, phon) NON va con la 110V a meno che non abbia proprio un interruttore visibile per cambiare voltaggio.
Perché in questo caso l'apparecchio ha due diversi avvolgimenti nel motore, uno per la 110V-50Hz e uno per la 220V-60Hz.

E quello che ha anche resistenze per scaldare, phon, ferri da stiro, piastre capelli, funziona a mezza potenza, se funziona.
Quindi, pouttosto, scegliete un hotel che vi fornisca ferro da stiro e phon (ormai è comune), piuttosto che portarlo dall'Italia.
Registrato

Ho imparato ad usare la parola "Impossibile" con la massima prudenza (Von Bulow)

Rebel Frequent Flyer - 63.877 Km per convention Star Wars - Conteggio Continua
Pagine: [1] 2   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

 

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.11 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC | Sitemap XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Copyright 1998- © HNS srl - Partita IVA 07431360010
Pagina creata in 0.207 secondi con 23 query. (Pretty URLs adds 0.085s, 2q)