Lunedì 19 Agosto 2019
barra-documenti
VISTO E

La Sezione 101(a)(15)(E) della Legge sulla Immigrazione e Nazionalità degli Stati Uniti prevede il rilascio di un visto non-immigrante a stranieri cittadini di quei paesi con i quali gli Stati Uniti hanno un trattato di Commercio e Navigazione, qualora questi si rechino negli Stati Uniti per svolgere attività commerciali rilevanti, inclusi gli ambiti dei servizi e tecnologici, principalmente tra il proprio paese e gli Stati Uniti o per sviluppare e dirigere un'azienda nella quale questi abbiano investito (o stiano per investire) un capitale di sostanziale entità.

I requisiti per il visto non-immigrante per commercio, di categoria E1 (Treaty Trader) sono:
1) Il richiedente deve essere cittadino di un paese che abbia stipulato un trattato di Commercio e Navigazione con gli Stati Uniti.
2) L'azienda, per conto della quale il richiedente si reca negli Stati Uniti, deve avere la nazionalità di un paese con il quale vige il trattato di Commercio e Navigazione.
Nota: Almeno il 50% della compagnia deve essere di proprieta' di cittadini di tale paese. Le quote di proprieta' di cittadini con residenza permanente negli Stati Uniti non concorrono a determinare questo 50% necessario ai fini di abilitare la compagnia alla richiesta di visti E.
3) Il volume internazionale d'affari deve essere "consistente", nel senso che deve esistere una considerevole e continua attività commerciale.
4) Il volume d'affari deve essere principalmente tra gli Stati Uniti e la nazione partecipante al trattato. Questo significa che più del 50% del volume internazionale d'affari deve svolgersi tra gli Stati Uniti e il paese di nazionalità del richiedente.
5) "Trade" significa lo scambio internazionale di merci, servizi e tecnologia. I diritti sugli oggetti commerciati devono passare da una parte ad un'altra.
6) Il richiedente deve ricoprire, in seno alla ditta, la carica di supervisore o di dirigente oppure deve possedere qualifiche professionali tali che lo rendano indispensabile al buon funzionamento dell'azienda. Personale di rango inferiore, qualificato e non, non ha diritto ad essere classificato come "Treaty Trader".

I requisiti per il visto non-Immigrante per investimento, di categoria E2 (Treaty Investor) sono:
1) La persona che effettua l'investimento sia che si tratti di una persona fisica oppure di una società, deve avere la nazionalità di un paese che abbia un trattato di Commercio e Navigazione con gli Stati Uniti.
2) L'investimento deve essere "consistente", nel senso che deve essere sufficiente ad assicurare il successo dell'operazione. La percentuale di investimento per una impresa a basso costo deve essere più alta rispetto alla percentuale di investimento per una impresa ad alto costo.
3) L'investimento deve promuovere una reale attività d'impresa. Investimenti speculativi o scarsamente produttivi non sono considerati tali. Fondi bancari o simili non vincolati, non sono considerati investimento.
4) L'investimento non dovrà essere marginale ma, dovrà generare un reddito superiore a quello richiesto per il sostentamento dell'investitore e della sua famiglia nonché essere di rilevanza economica per gli Stati Uniti.
5) L'investitore deve avere il controllo dei fondi e l'investimento deve essere, commercialmente parlando, a rischio. Prestiti garantiti da capitali di impresa non sono riconosciuti.
6) L'investitore deve entrare negli U.S.A. per sviluppare e dirigere l'impresa. Se la persona che richiede il visto non è il principale investitore questa deve avere la qualifica di supervisore, dirigente, o possedere qualifiche altamente specializzate. Personale ordinario, qualificato o non qualificato, non ha diritto ad essere considerato come "Investor".

Per fare domanda di visto "Treaty Trader" (E-1) o "Treaty Investor" (E-2), il richiedente deve prima stabilire che l'impresa commerciale o l'investimento rientrano nei requisiti richiesti dalla legge. Il funzionario consolare fornirà al richiedente i moduli appropriati. Ogni richiedente dovrà comunque compilare il modulo base di domanda di visto. I titolari del visto "E" potranno risiedere negli Stati Uniti per tutto il tempo in cui manterranno lo status di imprenditori. Coniuge e figli potranno ottenere lo stesso status come accompagnatori del titolare ma non sono autorizzati a lavorare in U.S.A.

PER RICHIEDERE UN VISTO PER COMMERCIO (E1) O DI INVESTIMENTO (E2) E' NECESSARIO PRESENTARE LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE:

- Ricevuta dell'avvenuto pagamento, presso una qualsiasi filiale della BNL, della tariffa consolare non rimborsabile.
- Modulo di richiesta visto DS-156 e DS-157 (quando richiesto).
- Modulo supplementare di richiesta visto per commercio o investimento DS-156E.
- Passaporto con validità di almeno sei mesi superiore al periodo di permanenza negli Stati Uniti previsto. Se il passaporto comprende più persone, ciascuna persona che desideri un visto dovrà presentare una richiesta di visto separata.
- Una foto tessera (non digitale, scattata negli ultimi sei mesi) per ciascun richiedente il visto, bambini inclusi.
- * Una lettera dal datore di lavoro su carta intestata, indicante il nome della persona che si intende inviare negli U.S.A, le Sue mansioni, la natura ed il motivo del viaggio.
- * Atto Costitutivo e Verbali organizzativi della società statunitense.
- * Estratto Conto recente e/o movimento finanziario documentabile della società statunitense.
- * Licenze e Concessioni Locali di esercizio e attività professionale della società statunitense.
- * Dichiarazioni dei redditi sugli utili o vendite della società statunitense.
- * Certificato di Partecipazione della società statunitense che stabilisce il rapporto con la società in Italia.
- * Prova documentale del volume attivo di affari della società statunitense; questa può consistere in opuscoli della società, contratti, atti, fatture. etc.
- * Per i visti E1, sei mesi di fatture attestanti il volume di affari in atto fra gli Stati Uniti e l'Italia.
- * Copia del modulo W-2 per ogni dipendente.
- * Se il richiedente è un dipendente (e non il titolare), prova documentale che dovrà ricoprire un ruolo di supervisione o dirigenziale.

* Nota: Tutti i documenti indicati con un asterisco (*) devono essere in Inglese o tradotti in Inglese.

Attenzione: Il motivo più frequente di ritardo nell’avviare e nell’espletare le domande di visto come investitore o per commercio, è la mancata presentazione della ricevuta, in originale, del pagamento dei diritti consolari presso la Banca Nazionale del Lavoro. Tutte le domande presentate senza la suddetta ricevuta non vengono esaminate fino al ricevimento della medesima.

NOTA: Tutti moduli necessari per la richiesta del visto sono scaricabili dalla pagina "Moduli di Richiesta per un Visto".

PROCEDURE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Le procedure di presentazione delle domande sono differenti a Roma, Milano, Firenze e Napoli.
Ciascun richiedente deve far riferimento alle istruzioni specifiche, a seconda della propria residenza in Italia.

I residernti delle seguenti regiorni devono presentare la domanda al Consolato Generale degli Stati Uniti di MILANO

Valle D'Aosta, Piemonte, e Lombardia

I residernti delle seguenti regiorni devono presentare la domanda al Consolato Generale degli Stati Uniti di FIRENZE

Toscana, Emilia-Romagna, Veneto, Marche, Umbria, Liguria, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, oltre alla Repubblica di San Marino

I residernti delle seguenti regiorni devono presentare la domanda all'Ambasciata degli Stati Uniti di ROMA

Lazio, Abruzzo e Sardegna

I residernti delle seguenti regiorni devono presentare la domanda al Consolato Generale degli Stati Uniti di NAPOLI

Campania, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia

 

 

questa pagina è stata aggiornata il 10/08/2005
fonte: Ambasciata Americana a Roma