Billy Beane sarebbe rinvigorito a New York, alcuni membri Mets credono

BB

Si sa che i Mets stanno cercando un presidente delle operazioni di baseball per rimettere in carreggiata il club e fermare le polemiche. Sappiamo anche che tre nomi sono sulla lista di Steve Cohen: Theo Epstein, Billy Beane e David Stearns.

Solo tre grandi nomi del settore sono sulla lista. Perché sono sulla lista? Perché ci vuole un grande nome. Non tutti potranno lavorare nella giungla di New York.

Stearns sta facendo un buon lavoro a Milwaukee ed è riconosciuto dai suoi pari… ma non vuole necessariamente lasciare il Wisconsin. Non sappiamo ancora cosa stia pensando perché le interviste non sono iniziate, ma ehi.

Per quanto riguarda Epstein, la domanda è se vuole tornare con una squadra o rischiare come commissario. E se torna, sarà a New York o a un proprietario con cui ha una maggiore affinità? Cohen sarebbe d’accordo a lasciarlo diventare un proprietario di minoranza a New York?

Quindi penso che questo potrebbe aprire la porta a Beane. Non so se lo vedo lasciare Oakland, ma i Mets faranno di tutto per convincerlo a fare il salto.

E in realtà, ci sono diversi aspetti che potrebbero far sì che il manager accetti di fare il salto a New York.

A New York, molti membri della squadra credono che trasferirsi in un mercato come New York potrebbe rinvigorire Beane, che non ha più le mani nelle operazioni quotidiane di baseball a Oakland. Non sappiamo come si senta riguardo al possibile trasferimento degli A’s a Las Vegas, ma avrebbe stabilità con i Mets.

Sandy Alderson e Beane si conoscono da molto tempo, e i Mets hanno redatto Beane in passato.

La capacità di costruire la sua squadra con risorse e di costruire il suo team di gestione (il suo GM e manager) potrebbe aiutare. Si dice che Bob Melvin potrebbe seguirlo a New York. Dovrebbe essere risolto visto che ha un contratto, ma ehi.

Non so se accadrà, ma se Beane vuole fare quello che ha fatto Tom Brady e avere una nuova sfida, potrebbe essere attraverso New York.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest