Il quartiere più eclettico di New York è nel Queens

Long Island City (LIC), nel distretto del Queens, è il protagonista di ottobre di Neighborhood x Neighborhood, l’iniziativa di NYC & Company volta a far scoprire ogni mese ai visitatori della Grande Mela itinerari insoliti in quartieri emergenti dei cinque distretti newyorkesi.

Situato a pochi minuti di metropolitana da Midtown Manhattan, Long Island City ha assistito negli ultimi anni ad un incredibile sviluppo alberghiero e residenziale trainato dalla presenza di una fiorente comunità di artisti. Questo quartiere è ricco di edifici risalenti alla metà del secolo scorso, sedi di fabbriche oggi trasformate in gallerie, hotel, musei e uffici e la sua lista di indirizzi irrinunciabili si arricchisce continuamente con nuovi ristoranti, negozi e locali. Negli ultimi anni il numero di hotel e di camere disponibili a Long Island City è cresciuto esponenzialmente, a dimostrazione dell’incremento della domanda dei turisti che desiderano soggiornare in questo quartiere trendy del Queens.

Long Island City è emerso negli ultimi anni come un importante polo culturale ed artistico della città attraendo nuovi residenti, attività commerciali e turisti,” afferma Margaret Morton, Cultural Affairs Deputy Commissioner. “Le mostre all’avanguardia del MoMA PS1, le gallerie d’arte contemporanea come la Dorsky Gallery, l’innovativo Socrates Sculpture Park affacciato sull’East River, gli spettacoli proposti al Thalia Spanish Theater e centri culturali come la Chocolate Factory e il La Guardia Performing Arts Center. Sono tantissime le ragioni per visitare questo quartiere e per soggiornarvi durante un viaggio a New York City”.

Uno sviluppo alberghiero senza precedenti

Negli ultimi sei anni il Queens ha assistito ad un incredibile sviluppo alberghiero: il 21% dei nuovi hotel aperti in città sono stati inaugurati infatti in questo distretto. A Long Island City, in particolare, ci sono 15 nuovi hotel dal 2006 e 6 sono in fase di costruzione. Tra questi si segnalano:

– Fairfield Inn New York Long Island City/Manhattan View, offre ampie sistemazioni con vista sull’East River e un ottimo rapporto qualità/prezzo. Tra i servizi forniti: internet veloce, colazione continentale e navetta gratuita per la stazione della metropolitana.

– Holiday Inn Manhattan View – Long Island City, offre spettacolari vedute sul fiume e sullo skyline di Manhattan dalle sue 130 camere su 16 piani. Il ristorante dell’hotel, Rio Grande, propone specialità della cucina brasiliana. L’albergo dispone, inoltre, di un fitness center gratuito per gli ospiti.

– Il nuovo e moderno Nesva Hotel si trova nelle vicinanze delle principali attrazioni turistiche di Long Island City. Gli ospiti possono rilassarsi nel giardino della lobby o sui balconi privati disponibili in alcune camere.

– A poca distanza dalle principali attrazioni del quartiere, tra cui Gantry Park, il Wyndham Garden Long Island City/Manhattan View è stato appena rinnovato. Camere spaziose, un fitness center, un ristorante full service e uno shuttle gratuito per spostarsi a Long Island City sono tra i servizi offerti agli ospiti.

– Il boutique hotel quattro stelle Z NYC Hotel è famoso per la vista meravigliosa che si può ammirare dalle camere e dalla sua terrazza. L’hotel ospita un ristorante specializzato in tapas e un rooftop bar di tendenza con dj e musica dal vivo. Un servizio di shuttle è disponibile per gli ospiti da e per Bloomingdale’s tra la 59th Street e Lexington Avenue a Manhattan.

Organizzazioni culturali

– Il MoMA PS1, distaccamento nel Queens del Museum of Modern Art, presenta numerose mostre sperimentali ed eventi realizzati da artisti emergenti e contemporanei. Tra i prossimi progetti la mostra di Mike Kelley (dal 13 ottobre 2013 al 2 febbraio 2014) con oltre 200 opere innovative dell’artista.

– Il Chocolate Factory Theater, vincitore degli Obie Award, è un teatro sperimentale interdisciplinare dove vengono presentati spettacoli ed eventi focalizzati sull’interazione tra attori e pubblico. Oltre agli show realizzati dalla compagnia interna, ogni anno vengono ospitati centinaia di artisti esterni.

– Dorsky Gallery Curatorial Programs è un’organizzazione no-profit volta alla promozione dell’arte contemporanea. I suoi spazi ospitano mostre di arte visiva indipendenti, come Artists’ Walks: The Persistence of Peripateticism, che è possibile visitare fino al 17 novembre.

– Situata in una vecchia fabbrica di biglietti di auguri, Flux Factory è uno spazio espositivo multifunzionale sede di un collettivo di artisti. Nel corso dell’anno vengono organizzati seminari, proiezioni di film, mostre e molto altro.

– Il Noguchi Museum presenta la più grande collezione al mondo dell’artista giapponese Isamu Noguchi. Il museo presenta sculture multimediali, modelli architettonici, scenografie, disegni, oggetti di arredamento e molto altro. Sono esposte, inoltre, opere di artisti che hanno tratto ispirazione dai lavori di Noguchi.

– Il Socrates Sculpture Park è un museo all’aria aperta e un parco affacciato sull’East River dove passeggiare tra installazioni e sculture su larga scala. Al suo interno, vengono organizzati corsi d’arte per bambini, adolescenti e adulti e performance gratuite.

>Ristoranti e vita notturna

– L’ambiente retro del Dutch Kills Bar, con chioschi in legno e il sottofondo della musica jazz trasporta indietro fino all’ultimo decennio dell’800. Il bar è specializzato in cocktail come il Moscow Mule (succo di lime, sciroppo di ginger fatto in casa e vodka) e il Native New Yorker (whiskey, acquavite di mele, succo di limone, orzata fatta in casa, cannella e angostura).

– Affacciato sul fiume, il Water’s Edge Restaurant è uno dei ristoranti più scenografici del quartiere e un indirizzo da non perdere per gli amanti della buona cucina e dei piatti a base di pesce.

– Il ristorante del MoMA PS1, M. Wells Dinette, propone ogni giorno piatti diversi come il pudding al fois gras e vitello alla Stroganoff. Il locale era precedentemente la sede di una scuola pubblica a cui è tutt’oggi ispirato l’arredamento.

– Lo Sweetleaf Coffee & Espresso Bar propone caffé prodotti in diversi Paesi del mondo dal Guatemala alla Colombia, fino al Brasile e all’Indonesia, da accompagnare con dolci fatti in casa come la torta streusel al mirtillo o gli scone con pepe, pere e formaggio di capra.

– Tournesol è un autentico bistrot francese, molto amato dai newyorkesi. Tra le specialità: zuppa di cipolle, bistecca e patatine fritte, insalata nizzarda e fois gras.

– Manducatis è il ristorante italiano preferito degli abitanti del Queens e del cantante Tony Bennett, grazie all’atmosfera familiare e al menu invitante, tra pasta fresca, cannelloni e gnocchi di ricotta.

Negozi e mercati

– Una tappa obbligata per ogni visita a Long Island City è il LIC Flea & Food, il più grande mercato artigianale all’aperto del Queens, che si tiene tutti i weekend. Il posto giusto dove sbirciare tra abiti e oggetti vintage o gustare delizie culinarie ammirando lo skyline di Manhattan oltre al fiume.

– Da non perdere inoltre il QNS Urban MKT, il mercatino delle pulci che si tiene ogni domenica allo Standard Motors Building con bancarelle gastronomiche e di artigianato.

–  Gli appassionati di musica rimarranno affascinati da Sadowsky Guitars, aperto da oltre 30 anni, un laboratorio e negozio dove vengono prodotte chitarre e bassi di altissimo livello.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest