Le migliori stampanti 3D

imp-9.1

Oggi, questa tecnologia è utilizzata da aziende di tutti i tipi. Nel campo spaziale, questa innovazione apre possibilità che erano impossibili qualche anno fa, come la stampa 3D di un pezzo di ricambio in metallo in poche ore. Nel campo gastronomico, le applicazioni sono numerose, con la stampa di una pizza commestibile per esempio.

Le stampanti si sono evolute così tanto che è possibile renderle utili e redditizie nella nostra vita quotidiana. Tuttavia, avrete bisogno di alcune conoscenze di base, anche se ci sono alcune stampanti per principianti nel Top.

Il Top è la guida all’acquisto che confronta tutti i parametri da considerare prima di acquistare una stampante 3D. Il suo prezzo sarà probabilmente il fattore più interessante. Ecco perché sono ordinati dal più economico al più costoso. Ma il prezzo non è una garanzia di qualità: la precisione, le dimensioni di stampa, il numero di testine di stampa o anche la presenza di una piastra di riscaldamento sono tutti parametri da prendere in considerazione.

Scegliere la migliore stampante per le tue esigenze significa prima di tutto conoscere i tuoi bisogni. Per fare questo, è necessario valutare il grado di precisione che si desidera per le parti che si vogliono stampare. Questa precisione è espressa in micron. Dovete anche considerare la dimensione delle parti che volete stampare e quindi la dimensione del vassoio della stampante 3D di cui avrete bisogno.

Il numero di ugelli ti dice quanti materiali puoi stampare simultaneamente. Dovrete anche sapere se avrete bisogno di una piastra riscaldata o meno e se può essere inclinata per raggiungere posti difficili da raggiungere. Inoltre, è necessario considerare il tipo di materiali che possono essere stampati e se la stampante 3D può anche utilizzare la tecnologia a getto d’inchiostro a colori.

Altri parametri da considerare quando si sceglie una stampante 3D

Infine, il prezzo è senza dubbio il fattore determinante che vi aiuterà a scegliere la migliore stampante secondo il vostro budget. Alcuni altri elementi possono anche essere presi in considerazione come ad esempio se c’è una grande comunità intorno a questa stampante 3D, se c’è una connessione USB, la velocità di stampa, se emette o meno cattivi odori, se l’ABS è preso in considerazione, se la stampante ha uno schermo di controllo, la qualità della stampa, se c’è una telecamera di controllo o se la stampante è facile da usare o richiede un certo apprendimento.

Vi diamo tutte queste informazioni per aiutarvi a confrontare meglio le migliori stampanti 3D che abbiamo valutato. I prezzi variano da poche centinaia di euro (a partire da 250) a diverse migliaia di euro per le soluzioni professionali.

1. Da Vinci Junior

È ideale per iniziare nel mondo della stampa 3D ad un prezzo ragionevole. Questa stampante 3D è completamente autonoma grazie a un software molto semplice. Per quanto riguarda la sicurezza, il Da Vinci Junior è chiuso per evitare lesioni dalla plastica calda. Il software fornito è molto intuitivo con funzioni come la modifica della temperatura o la calibrazione per ottenere una stampa 3D perfetta.

Si può dire che il Da Vinci Junior è un vero e proprio laboratorio. Permette ai meno esperti di provare questa tecnologia senza rompere la banca. Per non parlare del fatto che con una precisione di 100 micron, può creare oggetti 3D con un rendering eccellente. Tuttavia, dovrete usare le bobine di filamento Da Vinci per farlo funzionare

Precisione : 100 micron

Dimensione della piastra : 150 × 150 × 150 mm

Numero di ugelli : 1

Piastra di riscaldamento : No

Materiali : PLA

Prezzo : 399 € (€)

Punti positivi

Software intuitivo

Costruzione precisa

Punti negativi

Non gestisce l’ABS

Funziona solo con le bobine di filamento della marca Da Vinci

2. Creality Ender 3 Pro

Combinando un piccolo prezzo con una macchina affidabile e una buona qualità di stampa, la Creality Ender 3 Pro piacerà a tutti gli appassionati con un budget. Per meritare l’etichetta di Pro, il dispositivo offre alcuni miglioramenti rispetto al suo predecessore, il già eccellente Ender 3.

Così, ha il suo vassoio di stampa rimovibile è ora magnetico. Inoltre, Creality ha reso l’asse Y più robusto e ha optato per un estrusore più competente. Anche i cuscinetti a sfera sono stati cambiati, così come l’alimentatore certificato UL.

Infine, il più grande vantaggio di questo modello è sicuramente la forte comunità di utenti, molto attiva e che condivide consigli e suggerimenti.

Precisione : 0,1 mm

Dimensioni del piatto : 220 x 220 x 250 mm

Numero di ugelli : 1

Piastra riscaldata : Sì

Materiali : plastica

Prezzo : 270 € in kit

Punti positivi

Kit facile da assemblare

Grande numero di filamenti compatibili

Eccellente qualità di stampa

Punti negativi

Piastra magnetica non per tutti

Problemi con alcuni materiali

3. Elegoo Mars

La Elegoo Mars è una stampante 3D in resina economica che è altrettanto buona come un modello professionale. Oltre a fare il suo lavoro più che bene, il dispositivo è piuttosto piccolo e non occuperà molto spazio sul vostro spazio di lavoro.

Inoltre, la sua applicazione mobile è intuitiva. Gli hobbisti non avranno problemi a navigare, anche se è la loro prima stampante 3D. Quindi, se siete interessati alla stampa 3D in resina, provatela su questo modello. Tanto più che la qualità degli oggetti ottenuti è incomparabile con quella dei prodotti della stessa fascia di prezzo.

Precisione : 0,047 mm

Dimensione della piastra : 115,6 x 65 x 150 mm

Numero di ugelli : 1

Piastra riscaldata : No

Materiale : resina

Prezzo : 242 € montato

Punti positivi

Buona qualità di stampa

Facile da configurare

Efficiente

Punti negativi

Porta USB non ben posizionata

Macchina rumorosa

4. Stampante 3D Flashforge Finder

Questa mini stampante permette di creare piccoli oggetti con grande precisione. Le bobine di filo sono proprietarie (è possibile utilizzare solo quelle della marca). Un chip è integrato nella bobina per controllare il livello di filamento rimanente. Questo eviterà di ritrovarsi con una stampa che gira nel vuoto senza filamento.

Il suo design è molto moderno e si adatta a qualsiasi interno, soprattutto grazie alle sue piccole dimensioni. Tuttavia, non ha una base di riscaldamento, il che significa che può stampare solo in PLA. Questo non è necessariamente un difetto quando si sa che produce una stampa ultra dettagliata. Soprattutto perché non fa quasi nessun rumore e non emette fumi nocivi. Una delle migliori stampanti 3D sul mercato.

Precisione : 50 micron

Dimensione della piastra : 140 x 140 x 140 mm

Numero di ugelli : 1

Piastra riscaldata : No

Materiali : PLA

Prezzo : 699 € (€)

Punti positivi

Connessione tramite chiave USB, cavo USB 2.0 e Wifi

Tranquillo

Prezzo competitivo

Punti negativi

Piccolo volume di costruzione

Installazione difficile

Non gestisce l’ABS

5. Creality Ender-5

Il Creality Ender 5 è stato rilasciato quest’anno. È senza dubbio la migliore stampante Ender 3D. Tutti i difetti della serie Ender 3 sono corretti su questo modello, solo l’aspetto del prodotto è simile alle versioni precedenti. Il Creality Ender-5 combina la facilità di installazione e di utilizzo con una stampa di altissima qualità. È anche molto facile da personalizzare.

La stampante non è senza difetti, come dimostra il livellamento manuale del piatto magnetico, già presente sulla gamma Ender 3. Indipendentemente da ciò, il Creality Ender 5 rimane una scelta eccellente, specialmente per meno di 300 sterline. Il modello è una delle migliori stampanti 3D dell’anno.

Precisione : 50 micron

Dimensione della piastra : 220 x 220 x 300 mm

Numero di ugelli : 1

Piastra riscaldata : Sì

Schermo di controllo : Sì

Materiali : PLA, ABS, altre plastiche

Prezzo : 290 € (€)

Punti positivi

Facile da installare e utilizzare

La qualità della stampa

Personalizzabile

Punti negativi

Livellamento manuale del vassoio

6. Makerbot Replicator +

Il Makerbot Replicator è chiaramente destinato al mercato professionale, con il suo prezzo e le sue caratteristiche ultra competitive. La sua affidabilità è una delle sue principali risorse. È in grado di stampare un oggetto 3D con una precisione di 100 micron e una velocità molto elevata. Con la sua testina di stampa, è in grado di stampare tutti i tipi di materiali in filamenti. Sarà ideale per studi di architetti, uffici di design o scuole, ecc.

Può essere collegato via WIFI o Ethernet per rimanere connesso. È quindi possibile controllarlo a distanza. La funzione della telecamera ti permette di seguire il progresso della tua stampa 3D in tempo reale da qualsiasi luogo.

Precisione : 100 micron

Dimensione della piastra : 295 x 195 x 165 mm

Numero di ugelli : 1

Piastra riscaldata : Sì

Materiali : Tutte le plastiche

Prezzo : 3299 € (€)

Punti positivi

Software di qualità

Costruzione veloce

Punti negativi

Prezzo che riflette il lato professionale della macchina

Lievi imprecisioni nelle costruzioni

7. Stampa a colori Da Vinci

La macchina combina sia una stampante 3D che una stampante a getto d’inchiostro. La tecnologia è totalmente innovativa e risparmia un passo di pittura. Il Da Vinci Color è molto preciso, ma soprattutto, l’inchiostro viene iniettato durante la stampa: non sbiadirà con il tempo. D’altra parte, solo il PLA può essere usato per la colorazione. È la stampante 3D ideale per creare figure ultra-realistiche.

La piastra è stabilizzata per evitare un’aggiunta irregolare di materiale. Il design è molto ordinato con una struttura completamente chiusa. Una porta di vetro colorato sulla parte anteriore è anche presente per chiudere la stampante 3D.

Precisione : 100 micron

Dimensione del piatto : 200 × 200 × 150 mm

Numero di ugelli : 1

Piastra riscaldata : No

Materiali : PLA + inchiostro colorato

Prezzo : 3599 € (€)

Punti positivi

Stampa a colori

Rendering realistico

Struttura chiusa

Punti negativi

Uso necessario di PLA per il colore

Prezzo elevato per gli individui

8. Creality CR-10

La Creality CR-10 è uno di quei prodotti che sono perfetti per iniziare nel mondo delle stampanti 3D. Prima di tutto, beneficia di un prezzo piuttosto accessibile (circa 350 euro) considerando le sue capacità. Con una precisione di 100 micron, possiamo parlare di una grande prestazione per una stampante 3D in questa fascia di prezzo. Possiamo anche essere sorpresi dalle grandi dimensioni della costruzione (300 x 300 x 400 mm) che di solito richiede circa 200 euro di investimento aggiuntivo. Infine, tutti i materiali più usati funzionano con la Creality CR-10, cioè ABS, PLA, TPU… La presenza di un adattatore USB per stampare direttamente dal contenuto è un ultimo buon punto per questo prodotto.

Precisione : 100 micron

Dimensione della piastra : 300 x 300 x 400 mm

Numero di ugelli : 1

Piastra riscaldata : Sì

Schermo di controllo : Sì

Materiali : Tutti

Prezzo : 350 € (€)

Punti positivi

Grande comunità

Grande volume di costruzione

Prezzo competitivo

Presenza di un adattatore USB

Punti negativi

Costruzione lenta

Alto livello di rumore

Montaggio fai-da-te

9. DBCN3D Sigma R19

Questa macchina è vicina alla migliore sul mercato. Ha un sistema di doppia estrusione e un livello di precisione fino a 50 micron. Quelli che l’hanno usato vi diranno che le prestazioni una volta fuori dalla scatola sono molto buone. Il produttore offre 4 modalità di stampa e un touch screen a colori. I pezzi sono perfettamente adatti alle esigenze professionali.

La Sigma R19 utilizza anche il software open source Cura che permette di elaborare diversi tipi di file. La temperatura di stampa arriva a 280 gradi, mentre la piastra arriva a 100 gradi. Inoltre, supporta praticamente tutti i tipi di filamenti.

Precisione : 0,05 mm

Dimensione della piastra : 210 x 297 x 210 mm

Numero di ugelli : 2 (ottone)

Piastra riscaldata : Sì

Materiali : PLA, ABS, TPE, PVA, HIPS, PVA, ecc.

Prezzo : 2970 € (€)

Punti positivi

Precisione ideale

Facile manutenzione

Sistema di calibrazione

Punti negativi

Consuma molti filamenti

Rumoroso

Piccola mancanza di adesione ai vassoi

GUIDA ALL’ACQUISTO DI STAMPANTI 3D

Cos’è una stampante 3D ?

Una stampante 3D è, come suggerisce il nome, una macchina in grado di creare oggetti in tre dimensioni. Inizia con un file su un computer, che viene poi inviato alla stampante per essere stampato. Si possono usare diversi materiali, come la plastica, i metalli, la ceramica, la resina, il legno e persino il cemento. Alcuni parametri limiteranno la vostra creatività, come la dimensione, il colore o il mix di materiali di un oggetto 3D. Le stampanti 3D possono essere trovate a qualsiasi prezzo, da 150 a diversi milioni di euro.

Quali sono i vantaggi della stampa 3D ?

Le stampanti sono la soluzione facile per costruire rapidamente qualsiasi oggetto. Permette anche di produrre pezzi di ricambio che non sono mai stati venduti o che non sono più in vendita. Le forme più complesse non sono un problema. La stampa 3D è anche molto giocosa e perfetta per imparare la meccanica.

Quali sono gli svantaggi della stampa 3D ?

Una stampante 3D produce solo con una materia prima o derivata. La fusione della plastica può rilasciare fumi nocivi e particelle fini. Per questo motivo si raccomanda di stampare in 3D in un garage per esempio. L’ultimo svantaggio è il prezzo, che può essere molto alto, anche se i prezzi sono scesi molto negli ultimi anni.

Come funziona ?

Il principio della stampa 3D è abbastanza semplice. Il metodo più usato è la “fabbricazione additiva”. Questo comporta la stratificazione di strati molto sottili di materiale per creare una rappresentazione tridimensionale. Il materiale viene fuso con una testa di riscaldamento e poi stratificato. Il livello di dettaglio della creazione dipenderà da quanto è sottile ogni strato. Per dirla semplicemente, è come la macchina che crea strati di lego per fare un oggetto. Più grandi sono i lego, più ruvido è l’oggetto.

Come stampare in 3D ?

La base della stampa è il modello 3D creato al computer. Ci sono diverse tecniche che possono essere utilizzate per creare una rappresentazione digitale 3D. Dovrete progettare o scaricare un file in formato STL (questo è il formato più comunemente usato). Per scaricarlo, ci sono molti siti di comunità sulla stampa 3D. Il prossimo metodo è molto più complesso e richiede competenze di modellazione 3D. Utilizzando un software, è possibile creare una rappresentazione digitale 3D da zero.

Quali accessori sono disponibili ?

Una volta scelta e installata la stampante 3D, è ancora possibile migliorarla. Sono disponibili diversi accessori per far evolvere la vostra macchina o le vostre costruzioni. Non stiamo parlando solo di strumenti classici (colle, morsetti, vernice…) ma anche di oggetti più specifici e performanti.

Prima di tutto, ci sono i box di lucidatura che, come indica il loro nome, permettono di lucidare le stampe. Usiamo l’alcool al 70% che viene spruzzato sull’oggetto e lo leviga secondo i nostri desideri e necessità. Uno strumento molto pratico, ma tutt’altro che economico, visto che di solito costa circa 350 euro.

Se il software è spesso fornito con le stampanti 3D, è anche possibile ottenerne di migliori. Tuttavia, dovete fare attenzione che sia compatibile con la macchina che possedete. Un software più potente si traduce generalmente in una maggiore velocità di esecuzione e in comandi più precisi.

Infine, c’è tutta una serie di strumenti per estrarre più facilmente le vostre stampe e prendersene cura in seguito. Stiamo parlando di spatole di precisione, bisturi o anche spray opacizzanti. Tutto questo vi permetterà di prendervi cura dei vostri oggetti senza paura di romperli e di garantire una manutenzione ottimale.

La Comunità

Questo è l’ingranaggio essenziale della stampa 3D. Con l’eccezionale sviluppo delle stampanti 3D, si è creata una vera e propria comunità. Sarà lì per rispondere alle domande degli utenti di Internet, o per fornire modelli già progettati gratuitamente o per pochi euro. I siti web dei produttori offrono anche modelli scaricabili, ma spesso sono a pagamento. Tra i siti gratuiti, troviamo il francese cult3D.com, ma anche myminifactory.com e thingiverse.com.

Vuoi comprare la tua prima stampante 3D ? Congratulazioni ! La vostra prima ricerca vi ha indubbiamente mostrato che ci sono molti modelli possibili. La parte più difficile è scegliere un dispositivo che si adatti alle vostre esigenze e che saprete usare bene. Per aiutarvi a scegliere, abbiamo elencato cinque domande da porsi al momento dell’acquisto.

A meno che non si opti per una stampante 3D a basso costo, l’acquisto di questa attrezzatura rappresenta spesso un investimento significativo. Quindi preferiamo evitare di fare un errore. Ma quando è il tuo primo acquisto, come fai a decidere ? Come si fa a sapere quali elementi prendere in considerazione ? Quali sono le domande da porsi ? Di seguito vi diamo alcuni suggerimenti per evitare di fare un cattivo acquisto.

Per cosa userò questa stampante 3D ?

Cosa vuoi fare con questa stampante 3D ? È per uso personale o professionale ? A seconda della tua risposta, ci sono quattro parametri che possono variare nella prima parte della scelta della tua stampante :

La dimensione dell’area di stampa che influenzerà la dimensione degli oggetti che potete stampare

La risoluzione per la qualità di stampa, soprattutto dal punto di vista dei dettagli

La velocità se hai molte parti da stampare

Il numero di testine di stampa che vuoi avere nella tua stampante

Voglio sporcarmi le mani ?

Sei un tuttofare nel cuore ? O preferisci premere un pulsante ? La comunità delle stampanti 3D è molto dinamica. È stata la comunità dei Makers a far nascere le prime stampanti 3D per privati. Ecco perché molti modelli sono in kit. Ma questo significa, per esempio, che devi assemblare la tua stampante 3D da solo. Se non vuoi farlo, scegli un modello pronto all’uso e aggiungi uno scanner 3D.

Quanti pezzi stampo all’anno ?

Stampate un pezzo al mese o 100 ? Se hai intenzione di passare le tue giornate davanti a questa stampante 3D, tanto vale comprare subito un modello di alta qualità. Altrimenti, incontrerete rapidamente problemi con gli ugelli di stampa o anche con l’affidabilità della vostra stampante 3D. D’altra parte, se è davvero una stampante per hobby, prenditi il tuo tempo e preparati a un aumento graduale della qualità nel corso dei mesi o degli anni.

So qualcosa sulla modellazione 3D ?

Per fare una stampa 3D, avrete bisogno di un file originale, un modello 3D dell’oggetto che volete stampare. Se non avete mai toccato il 3D prima, allora le cose potrebbero complicarsi per voi. Fortunatamente, ci sono delle soluzioni.

Prima di tutto, puoi decidere di lavorare solo con modelli già esistenti online. La comunità dei “makers” offre molti “modelli” già pronti per essere utilizzati. E se volete personalizzarli, sarà l’occasione per provare un software 3D, chiamato anche software CAD. Scoprirete allora le meraviglie di un file STL.

Potete anche investire in uno scanner 3D. Questi dispositivi vi permetteranno di catturare l’immagine di un oggetto che possedete e ottenere un file che può essere utilizzato per la vostra stampante 3D. Attenzione però, questo rappresenta un nuovo investimento, quindi è necessario calcolare bene. La soluzione può essere un dispositivo che è sia una stampante 3D che uno scanner.

La buona notizia è che la maggior parte dei computer ha già installato un software 3D di base e, nel peggiore dei casi, le stampanti 3D hanno la loro versione proprietaria che si può usare. Tutto quello che dovete fare è inviare il file al software Slicer. Taglierà l’oggetto in strati successivi per la vostra stampante 3D. Potete anche regolare i parametri secondo la precisione della stampante, il tipo di materiale usato, la temperatura e la velocità di stampa.

Qual è il mio budget per comprare una stampante 3D ?

Naturalmente, l’ultima e forse più importante domanda è il vostro budget. I primi modelli costano meno di 100 euro, ma le stampanti 3D di fascia alta possono costare decine di migliaia di dollari. Se si opta per un kit di stampante 3D da assemblare da soli, il prezzo sarà generalmente molto più interessante. Attenzione, spesso dovrete comprare alcune parti separatamente.

Se sei all’inizio, non ha senso investire troppo denaro, è meglio iniziare con un modello di base e poi salire di livello se vedi che vuoi spingere le tue creazioni oltre. Non esitate a fare affidamento sulla ricchissima comunità di “makers”. Molti creatori ti aiuteranno a progredire rapidamente !

Come hai scelto la tua stampante 3D ? Quali sono stati i fattori decisivi nella sua scelta ? Raccontaci tutto nei commenti ! E, per sapere tutto sulle stampanti 3D, scoprire nuovi modelli e tendenze innovative, i nostri test e confronti, vai alla nostra nuova sezione dedicata.

I diversi metodi di stampa 3D

FDM

Modellazione a deposizione fusa

Questo è il metodo più popolare, spiegato sopra. Consiste nel sovrapporre strati di filamenti fusi per creare un oggetto 3D.

FTI

Film Transfer Imaging

Un’immagine 2D viene proiettata su una resina. Questo si indurisce dove c’è luce. Viene poi steso un secondo strato di resina, che viene nuovamente sottoposto alla luce in alcuni punti. Il passo viene poi ripetuto fino ad ottenere la struttura 3D finale.

SLA

StereolitografiaApparato

Questo metodo si basa sullo stesso principio del precedente, con l’uso di un laser. È una sovrapposizione di strati che crea l’oggetto finale.

SLM

Fusione laser selettiva

Questa volta, l’oggetto si forma aggiungendo strati in 2D, grazie a un laser che riscalda e deposita una polvere metallica, plastica o ceramica. È ampiamente usato nell’industria per le parti metalliche.

Modellazione a deposizione fusa

Questo è il metodo più popolare, spiegato sopra. Consiste nel sovrapporre strati di filamenti fusi per creare un oggetto 3D.

Per quale uso ?

Dimensione dell’oggetto

Questo dipenderà da ciò che si vuole stampare. Per i pezzi degli scacchi, ad esempio, una piccola stampante sarà più che sufficiente. Per le figure di medie dimensioni, avrete bisogno di una grande stampante 3D. La dimensione delle piastre è indicata su ogni macchina rispetto al Top.

Risoluzione

Di nuovo, questo dipenderà dall’uso che ne volete fare. Se gli oggetti sono molto piccoli, per esempio, avrete bisogno di una stampante molto precisa con una risoluzione inferiore a 80 micron. Se l’oggetto è grande o la precisione non è importante, una stampante 3D meno precisa sarà meno costosa. Inoltre, bisogna considerare che un’alta precisione induce un tempo di produzione molto più lungo.

Velocità

Ogni stampante 3D ha una velocità diversa. Per esempio, la Ultimaker3 può arrivare a 300 mm/s. È molto veloce rispetto a molti concorrenti, ma il suo prezzo è anche alto.

Numero di teste

Per ora, avete due opzioni. O si opta per una singola testina di stampa e allora si può stampare solo un materiale alla volta. Con due teste, è possibile mescolare colori e texture.

Materiali plastici popolari

PLA

Questo è uno dei materiali più utilizzati per la fabbricazione additiva (FDM). Si ottiene dalla barbabietola da zucchero, dalla canna da zucchero o dall’amido di mais. Questo gli permette di essere biodegradabile, inodore e particolarmente facile da usare. Con così tanti vantaggi, ha anche alcuni svantaggi. Il suo lato biodegradabile lo rende più fragile e non resiste all’umidità o agli urti.

Può anche avere additivi come legno, bronzo o rame. Questo offre una maggiore diversità da creare, pur mantenendo le proprietà del prodotto.

ABS

Questo è il secondo materiale più usato per la stampa 3D. Resiste bene agli urti, ai cambiamenti di temperatura e all’umidità. La sua qualità di rendering è anche superiore al PLA. Il suo più grande svantaggio è la necessità di utilizzare una stampante 3D con una piastra di riscaldamento. È anche sconsigliato usarlo in un soggiorno, perché produce un odore sgradevole e dannoso.

PVA

Si usa per creare supporti per strutture più grandi in PLA, per esempio. È solubile in acqua, quindi può essere facilmente rimosso. Ovviamente, non può essere usato come prodotto principale in una creazione, perché potrebbe sciogliersi alla minima goccia d’acqua.

PET

Questo è il materiale usato per fare lattine di plastica per alimenti o bottiglie d’acqua. Permette il contatto con il cibo, ma è anche traslucido e molto resistente. Bisogna solo fare attenzione che la temperatura del vassoio non superi i 60°C, col rischio di fondere l’oggetto.

I limiti della stampa 3D

Dimensione

La dimensione di ciò che vuoi costruire dipenderà dalla dimensione del vassoio della tua stampante 3D. Spesso è possibile fare un oggetto in più parti per farne uno più grande. Ma il risultato non sarà lo stesso e la forza sarà meno importante. Per creare un grande progetto 3D, avrete bisogno di una stampante industriale. Alcune aziende offrono di stampare un oggetto grande per pochi euro.

Colore

La scelta dei colori e dei modelli è molto limitata. Le stampanti domestiche possono al massimo disegnare due colori diversi allo stesso tempo. Queste stampanti sono composte da due testine di stampa riscaldate, e questo non è assolutamente il caso di tutte le stampanti. Queste parti, chiamate “teste di estrusione” lavorano poi insieme per stratificare elementi o colori. Le stampanti 3D con due estrusori sono generalmente molto più costose e si rivolgono principalmente ai semi-professionisti. Naturalmente, c’è sempre la possibilità di dipingere i modelli 3D. Avrete bisogno di una vernice adatta alla plastica, tipo modellismo.

Materiali

Le stampanti 3D non industriali possono stampare con pochissimi materiali. Varie plastiche sono le uniche opzioni oggi. Per realizzare stampe 3D in metallo, si dovrà spendere la modica cifra di 100 000 euro minimo. È chiaro che ci si dovrà accontentare della plastica con altri materiali integrati. Questo è il caso del PLA, che può contenere rame, legno o bronzo.

Pericolo per la sicurezza

Il pericolo oltre l’aspetto nocivo dei fumi e la libertà di stampa. Una stampante 3D permette di realizzare tutto da casa. Molte armi sono state fatte con una macchina per meno di 1000 euro. Cody Wilson, un americano, aveva creato e condiviso i progetti di una pistola di plastica funzionale. Il problema è che le armi non sono registrate e quindi non sono tracciabili.

Gli attuali campi di applicazione

Produzione industriale

La stampa 3D è già utilizzata per la prototipazione industriale su scala. Permette di creare meccanismi metallici in modo molto veloce ed economico. Le piccole linee di produzione usano già le stampanti 3D. Permettono di automatizzare completamente la produzione. La stampa 3D ha ormai raggiunto un tale livello di precisione che l’ultimo passo di spinta è diventato quasi inutile. Gli strumenti di lavoro possono quindi essere stampati molto facilmente.

Stampa di oggetti rivenduti

Una cover del telefono può essere realizzata completamente in 3D. Sia per uso personale che per essere rivenduto. Permette anche di personalizzare gli oggetti su richiesta di un cliente. È anche possibile creare ingranaggi molto facilmente. Gli accessori per videogiochi sono anche molto popolari e possono essere fatti direttamente da casa per fare eventualmente un business.

Stampa su larga scala

Ci sono aziende che offrono la stampa 3D di mobili su larga scala. Quasi tutto può essere stampato oggi e le stampanti possono essere fatte su ordinazione. È anche possibile stampare una stampante 3D molto facilmente.

Stampa personale di oggetti o strumenti

L’applicazione più conosciuta è certamente la stampa personale. Tutto ciò di cui avete bisogno è una stampante 3D e un file STL ed è tutto. Creare un modello invece è più complesso. Bisogna pensare in tre dimensioni quando si crea. È un’abitudine che si impara rapidamente. La stampa 3D personale permette per esempio di creare un gioco da tavolo in poche ore.

Produzione industriale

La stampa 3D è già utilizzata per la prototipazione industriale su scala. Permette di creare meccanismi metallici in modo molto veloce ed economico. Le piccole linee di produzione stanno già utilizzando le stampanti 3D. Permettono di automatizzare completamente la produzione. La stampa 3D ha ormai raggiunto un tale livello di precisione che l’ultimo passo di spinta è diventato quasi inutile. Gli strumenti di lavoro possono quindi essere stampati molto facilmente.

Medicina

Dall’inizio della stampa 3D, la medicina ha avuto una grande attrazione per questa tecnologia. Oggi è possibile stampare una protesi in 3D. Domani, sarà possibile andare molto più lontano. Mentre la ricerca sta già creando tessuti umani, presto sarà possibile riprodurre organi umani usando cellule staminali. Tra qualche anno, sarà “normale” stampare un cuore compatibile, il che eviterà qualsiasi rigetto dell’innesto. L’unico problema è quello dell’etica, perché stiamo cominciando a toccare la creazione stessa di un essere umano. I limiti domani saranno quasi infiniti.

Gastronomia

Da scienziato a chef c’è solo un passo. I ricercatori sono riusciti a creare una bistecca di manzo senza mai ucciderla. Bastava un minuscolo estratto di muscolo per creare un alimento in laboratorio. Ancora una volta, le barriere etiche bloccano lo sviluppo di questa tecnologia. L’elettrodomestico da cucina potrebbe quindi vedere un nuovo arrivo, la stampante alimentare 3D. Perché non stampare in 3D la tua pizza ?

Grande industria

I grandi gruppi automobilistici stanno guardando alla stampa 3D. Permetterebbe di automatizzare totalmente la fabbricazione di un’automobile. Le materie prime e gli intermedi sarebbero ridotti. Anche se questo tipo di macchina costa diversi milioni di euro, il prezzo delle auto potrebbe diminuire su larga scala. Così tutti i grandi industriali con una linea di produzione avrebbero la possibilità di automatizzare la produzione. Questo naturalmente pone un problema di posti di lavoro in futuro.

Costruire

Diverse case prototipo sono già state costruite. Al momento, si tratta di piccole case di cemento che possono essere assemblate in poche ore. Il vantaggio in futuro sarà quello di rivoluzionare il mondo dell’edilizia. Sarà possibile costruire un’intera casa in cemento in pochi giorni.

Spazio

La NASA è molto interessata a questa tecnologia. Potrebbe permettere la stampa 3D di cibo senza la Stazione Spaziale Internazionale per esempio. Gli astronauti potrebbero trasportare altrettanto cibo in uno spazio minore. Sapendo che lo spazio di stoccaggio è uno dei parametri più complicati da gestire per le missioni spaziali. Anche gli strumenti e i pezzi di ricambio potrebbero essere prodotti in qualsiasi momento. L’ultimo uso per le missioni non terrestri sarebbe per l’esplorazione di Marte. Gli edifici potrebbero essere costruiti automaticamente durante il viaggio degli astronauti sul pianeta rosso.

Panoramica dei principali software della stampante 3D

L’ondata di stampanti 3D è stata su tutti i notiziari e la TV, e non è ancora finita. Questa tecnologia ha infatti invariabilmente rivoluzionato la nostra vita quotidiana e il nostro modo di produrre e consumare. Per ottimizzare il campo d’azione del dispositivo, ci sono ora vari programmi software, gratuiti o meno, che riuniscono comunità assidue. Questi software di modellazione 3D sono anche chiamati CAD o Computer Aided Design. Che siano specializzati o più generalisti, i software di modellazione 3D hanno un sacco di caratteristiche.

Autodesk 123D

Di solito in esecuzione su Windows, il software di Autodesk ha subito un vero e proprio lifting. Ora, ha una versione disponibile per Mac OS e iPad e si reinventa nel mondo della modellazione.

Arte dell’illusione

Art of Illusion è un software 3D open source per la creazione grafica di oggetti 3D. Ad oggi, è uno dei programmi più utilizzati dalla comunità che utilizza la stampante RepRap 3D. Oltre ai suoi attributi di base di modellazione 3D, il software è in grado di controllare il rendering delle parti stampate.

Blender

Si ritiene che Blender sia il software di modellazione 3D di nuovo prototipo più usato. Questa versione è disponibile per Windows, Mac OS e Linux. Abbastanza complesso, la sua padronanza richiede un po’ di tempo per adattarsi e imparare. Tuttavia, è una vera e propria fabbrica di gas di un’efficienza senza pari.

BRL-CAD

Il software BRL-CAD funziona su Windows, Irix, BSD e Linux, e anche Mac OS. Il dispositivo ha un sistema di editing geometrico unico. Il design del prodotto è notevole ed è facile capire perché il suo progettista vanta quasi 20 anni di esperienza nella modellazione 3D.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest