Wall Street

Ubicata nella parte sud dell’isola di Manhattan, tra l’East River e l’inizio di Broadway, Wall Street, affollatissima durante la settimana lavorativa, ma quasi deserta di sera, nei week-end e nei giorni festivi, è universalmente considerata il centro dell’alta finanza americana e mondiale, oltre che il simbolo della potenza economica statunitense. La strada ha preso il suo nome (wall, muro) da una palizzata fatta erigere nel 1653 dal governatore olandese Peter Stuyvesant per proteggere l’insediamento di Nieuw Amsterdam dagli assalti dei pellerossa; questa precaria recinzione venne in seguito sostituita dagli inglesi con un vero e proprio muro difensivo.

Oggi gli edifici che fiancheggiano Wall Street sono sede di numerose banche, istituti finanziari e studi legali. Tra quelli di maggior interesse storico e architettonico vi è, ai nn. 72-74, la sede della Williamsburgh Savings Bank, costruita nel 1926 su progetto di Benjamin W. Morris; in origine sede della Seamens’s Bank for Savings (la Cassa di risparmio dei marinai), ha una facciata in pietra decorata da navi e ancore e, all’interno, un’elegante lobby con porte stuccate e soffitto laminato in oro. Al n. 55 è ubicato l’edificio della First National City Bank (o Citibank); alla parte originaria del 1842 (progettata da Isaiah Rogers con portico in stile ionico a 16 colonne sulla facciata e un ampio salone centrale con cupola all’interno) vennero aggiunti nel 1907, su progetto di McKim, Head e White, i piani superiori, con la sovrapposizione all’originario colonnato ionico di un secondo colonnato in stile corinzio. Oggi l’edificio, che prima della Citibank aveva ospitato la U.S. Custom House, è vuoto ed è chiuso al pubblico dal 1992.

Al n. 48 si trova il Bank of New York Building, costruito nel 1927 su progetto di Benjamin W. Morris III come sede della Bank of New York e, al n. 40, il grattacielo della Bank of Manhattan, oggi sede del Manufacturer’s Hanover Trust; costruito nel 1929 su progetto di H. Craig e Y. Matsui, rimase per pochi giorni l’edificio più alto del mondo prima di venire superato dal Chrysler Building. Al n. 30 si trova la sede della Seamen’s Bank for Savings, costruita nel 1919 dagli architetti York e Sawyer al posto della Second Bank of the United States.

Al n. 26, all’angolo con Nassau Street, si trova il Federal Hall National Memorial di fronte al quale, al n. 23, è ubicato il Morgan Guaranty Trust Company Building, un edificio in stile eclettico del 1913, opera degli architetti Trowbridge e Livingston. Ai nn. 14-16 si trova invece il Bankers Trust, grattacielo caratterizzato dall’originale sommità a forma di piramide, mentre al n. 1 vi è la sede della Bank of New York, l’ex Irving Trust Company Building, un edificio in stile art d_co realizzato nel 1932 dagli architetti Voorhes, Gmelin e Walker. Di particolare interesse, nei dintorni, sono la banca J.P. Morgan (all’angolo tra Wall Street e Broad Street), il grattacielo della Chase Manhattan Bank (lungo Nassau Street), la Wall Street Tower, un grattacielo per uffici del 1931 tra Beaver ed Exchange Street, e, su Broadway, la Trinity Church.

Al n. 8 di Broad Street è inoltre ubicata la sede della New York Stock Exchange, la più importante e la più antica borsa valori degli Stati Uniti. L’edificio, progettato da George B. Post e costruito nel 1903, ha una facciata classica con pronao a sei colonne corinzie e, nel soprastante frontone, un gruppo scultoreo di John Quincy Adam Ward intitolato L’Onestà protegge il lavoro dell’uomo; all’interno, nella Visitors Gallery che dà sulla rotonda delle contrattazioni (Trading floor), si può visitare una piccola mostra, con proiezione di filmati, sulla storia della Borsa.